domenica 5 giugno 2022

DON'T LOOK UP

 

Lettera aperta al Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare.


Lane d'agnelli, gigli senza stelo,

vaghe bianche apparenze, in cielo...


Chiamamole come volete, magari disturbando il Vate, che forse non conoscete, e non chiamiamole Scie Chimiche.

L'ultima volta che vi ho scritto, un anno fa, uno dei Vostri spiritosi tenenti, mi ha risposto, senza argomentazioni, ma con le solite accuse stereotipate di complottismo, e con gli auto-elogi che ricordavano quelli del tenente colonnello Petrucci, in diretta TV... "Grazie alle mie due lauree, conseguite entrambe con lode, che mi permettono di avere un'ottima comunicazione...".

Lo scorso anno vi inviai il video di due aerei che disegnarono dei ghirigori nel cielo della mia cittadina - Acri (CS) - e quelle scie diventarono poi strisce sempre più larghe che coprirono di grigio il cielo. Chiedevo le finalità di tali esibizioni, e ponevo altri interrogativi, visto che le leggi sulla trasparenza me ne davano facoltà...

Questo il video:



Fra le altre cose, chiedevo cosa contenessero quei fusti, caricati sugli aerei che alcuni leader europei visitarono nel febbraio 2018.






Oggi ritorno a Voi, visto che le performance dei piloti sono cambiate in quantità e in qualità.
Dal mese di gennaio, quando ci sono giornate di sole, arrivano decine di aerei a solcare i cieli. Una mattina ne ho contati una trentina in 2 ore. 











 







Solcano i nostri cieli disperdendo questa scia bianca, di cui vorremmo sapere la composizione, ma che empiricamente possiamo constatare che ha la capacità di creare nubi stratificate che dopo due giorni rendono il cielo coperto, e qualche volta piove. 
Nelle ultime settimane è capitato che è piovuta polvere, come quando soffia lo scirocco e porta la sabbia rossa del deserto africano, solo che non soffiava lo scirocco, anzi faceva freddo e sulle nostre auto abbiamo potuto apprezzare questa polvere, molto sottile che, raccolta su un pezzo di vetro, veniva calamitata da un magnete.

E allora se c'è un motivo, che ne so, il contrasto al Riscaldamento Globale, dato per scontato dai media ma non da scienziati seri, o altra emergenza, potete per cortesia comunicarcelo, per stare più tranquilli... visto che noi, come ci chiamate?, ah complottisti, siamo preoccupati per la salute, nostra, dei nostri figli e anche dei vostri perchè pensiamo che in quelle scie vi siano sostanze chimiche pericolose.

Ma in ogni caso, dico, in un periodo di crisi energetica, per cui questo governo ci impone di risparmiare persino sull'aria condizionata, com'è che a voi permette uno sperpero così spropositato per le quotidiane scorribande di decine di aerei nei nostri cieli?

      






venerdì 3 giugno 2022

Elisabetta Frezza - C'era una volta la scuola - 1° Congresso Nazionale C...


IL CITTADINO GLOBALE E DIGITALE PLASMATO DALLA SCUOLA.


La demolizione della legge 92 da parte di un giurista, con la sua grazia, il prosodico, il soprasegmentale, l'ardore delle sue parole - sublimi e perfettamente cesellate: inespugnabili.




mercoledì 2 marzo 2022

AIUTI... MILITARI

 

mercoledì 2 marzo 2022

CAPI DI STATO SENZA VERGOGNA
di Angelo Gaccione



«E poiché hanno seminato vento, raccoglieranno tempesta» 
(Osea, Bibbia, versetto 8,7)
 
Abbiamo dato all’Ucraina 650 milioni di dollari in armamenti lo scorso anno”. Il 2021 per essere precisi. “Gli daremo altri 300 milioni di dollari in armi”. Febbraio di quest’anno a pochi giorni dal conflitto Russia-Ucraina. Queste non sono le parole di uno spregevole trafficante di armi o di un mafioso, sono di Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, cattolico e credente, frequenta chiese, messe, e si fa somministrare l’ostia consacrata. Armi manderanno tutti gli Stati dell’Unione Europea, compreso la cattolica e “pacifica” Italia: uno strano modo di perseguire il cessate il fuoco e la pace. L’Ucraina ha ricevuto 20 miliardi di euro di aiuti internazionali: questa è invece una notizia diffusa dai telegiornali. Per essere più precisi si deve dire che sono stati dati al governo ucraino, cioè a una piccola cricca di politicanti, perché per Ucraina dobbiamo intendere i suoi abitanti, quelli veri però, quelli che rappresentano la spina dorsale della nazione, quelli che “si fanno il mazzo”, come dicono i giovani, e che con affanno provvedono alle loro famiglie. Parliamo dunque di lavoratori e di sfruttati (se questa parola non vi disturba, ma sono uno scrittore e delle parole devo avere il massimo rispetto), non di speculatori e corrotti di ogni forma e risma. Questi ucraini (uomini e donne) quei 20 miliardi non li hanno visti. Infatti le donne ucraine hanno continuato ad emigrare in ogni dove per mantenere le famiglie rimaste in patria. E, tanto per citare, una nostra amica ucraina il cui marito fa il vigile del fuoco - mestiere utilissimo e oltremodo pericoloso come ben sappiamo - [ma non ho mai letto che un capo di stato ne abbia fatto uno cavaliere del lavoro. Nemmeno Mattarella qui da noi, anche lui presidente cattolico e molto devoto], questo mestiere pericoloso il marito della nostra amica ucraina lo fa per 300 euro al mese. Anzi, per 220, perché ogni mese dalla busta paga gli trattengono 80 euro per destinarle alle spese militari! 





Il governo di una nazione stremata succhia il sangue ai più poveri per destinare le tasse agli ordigni di morte, alla spesa militare. Se Putin fa schifo, i dirigenti del governo ucraino fanno altrettanto schifo ai miei occhi, come il presidente cattolico americano che si va a inginocchiare davanti al crocifisso e subito dopo sparge aiuti militari (cioè morte e sangue) ai vassalli della Nato. Gli utili idioti che non contenti di quello che avevano subìto sotto il giogo dispotico dell’Unione Sovietica, appena il Patto di Varsavia si è liquefatto, sono corsi ad intrupparsi in un’altra alleanza militare credendosi al sicuro e divenendo fonte di tensione internazionale. Si sono fatti “intortare” (altro termine mutuato dal gergo giovanile) da una nazione, quella americana, che ha fatto guerre in ogni dove, che ha assassinato democrazie e governi legittimi in varie aree del mondo, e i cui presidenti, compreso quello attuale, si crede migliore di Putin. È incredibile come gli ominidi che guidano gli Stati siano accecati. Forse è davvero arrivato il momento della loro estinzione. Infatti continuano a ragionare e a comportarsi come se vivessero al tempo delle baionette e non in quello spaventosamente perentorio ed ultimativo dell’epoca nucleare. Se si vuole davvero finirla con le tensioni e le guerre, bisogna avere il coraggio e la volontà di abolire gli eserciti, trattare seriamente per arrivare a un disarmo generale, riconvertire le fabbriche di morte che producono armi, sciogliere le alleanze militari: la Nato prima di tutto. Ricordiamo ai distratti e a quanti hanno le idee poco chiare su questa organizzazione di morte che dal 1999 ad oggi la Nato si è accaparrato Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Estonia, Lettonia, Lituania, Bulgaria, Romania, Slovacchia, Slovenia, Albania, Croazia, Montenegro, Macedonia del Nord. I Paesi membri sono diventati 30 e l’Ucraina doveva diventare il 31°. Un bel modo per contribuire alla distensione internazionale ed alla convivenza pacifica dei popoli.




La spesa totale militare di Stati e Governi per l’anno 2020 in tutto il mondo è stata di 1.981 miliardi di dollari. Come chiamereste voi i responsabili di questi Stati e Governi? Per me sono criminali come lo è stato Hitler, e non mi importa a quale regime politico appartengano, né quale credo religioso professino. Gli ordigni di sterminio nucleare censiti in questo stesso anno sono arrivati a 13.000. Come definireste voi gli Stati ed i Governi detentori? Per me sono criminali come e più di Hitler, e non mi importa né il loro credo religioso, né il loro regime politico. Fra questi Stati criminali, e lo scriviamo con dolore, c’è il nostro bellissimo Paese. Nel 2021, in piena pandemia, l’Italia ha destinato 28,9 miliardi di dollari alle spese militari. Scegliete voi l’aggettivo più idoneo per definire i responsabili. Ora che sapete queste banali verità potete scegliere se intrupparvi nel loro partito della morte, già abbondantemente affollato, oppure fargli sapere che li consideriamo guerrafondai, cioè assassini del genere umano e delle specie animali e vegetali che compongono il mondo che ci tiene in vita. Devastatori di quanto di più splendido, meraviglioso, straordinario la genialità creativa ci ha tramandato. Killer del futuro di miliardi di bambini che hanno avuto la sventura di venire alla luce in un mondo retto da esseri così spietati e malvagi.