domenica 14 febbraio 2010

Perché la Salute prima di tutto.
La giunta Loiero ha accumulato in 5 anni di governo un debito gigantesco di circa 4 miliardi di euro. Se consideriamo che i tre quarti del bilancio della Regione Calabria è impegnato proprio nel comparto della Sanità, ci possiamo rendere conto della portata del disastro gestionale di chi ci ha governato.
E questi hanno creato una voragine debitoria per offrirci che cosa?
Una sanità disastrata. L’erogazione di servizi sanitari di pessimo livello. La Calabria è diventata la regione simbolo della malasanità. Tanto che ormai c’è un esodo annuo di circa 70mila calabresi costretti a cercare fuori Regione cure decenti. E ogni anno questi “viaggi della speranza” costano 350 milioni di euro alla Regione e forse altrettanto ai cittadini. Su 39 ospedali, 36 sono irregolari, molti destinati alla chiusura. Liste di attesa estenuanti. Lampanti le vicissitudini del CUP (Centro Unico Prenotazione) di Acri… Più ticket per tutti!!!
La Calabria, che dovrebbe avere un’agricoltura e un turismo fiorenti, è diventata una discarica illegale dove la criminalità ha trasportato rifiuti tossici, probabilmente radioattivi.Dopo Formiciche, Cetraro, Serra d’Aiello, ora tocca ad Acri. Dopo l’allarme lanciato dal sottoscritto sui rilevamenti statistici riguardanti i tumori, nel 2009 sono stati il doppio rispetto al 2008, le autorità e gli istituti preposti alla tutela e ai rilievi sul nostro territorio (ARPACal, Epicentro, ecc,) appaiono del tutto indifferenti e disinteressati. Ci sono probabilmente aree contaminate dalla radioattività nel Comune di Acri. Non si tratta di sospetti. Si sa, tutti sanno che per anni Acri è stata la sede preferita per lo smaltimento di scorie pericolose. E poi c’è il pauroso aumento dell’incidenza dei tumori collegati alla radioattività. Leucemie, linfomi, mielomi. Assistiamo inermi e attoniti a uno stillicidio di nostri concittadini falcidiati da questo nemico invisibile che nessuno vuole cercare e affrontare.
L’attuale classe politica ha ben altri e più nobili scopi a cui pensare.
Ci sono le lotte per il potere, le zuffe nei consigli comunali e regionali, nelle sezioni di partito, per le primarie…
La Salute può aspettare, per loro.
Per noi… La Salute viene prima di tutto.
E Vi spiegheremo come e perchè.

1 commento:

  1. Maurizio Servidio17 febbraio 2010 21:23

    E di tutto questo purtroppo sono sempre i cittadini a farne le spese,con la cosa piu importante per l'uomo e cioè la SALUTE.
    Chi non si trova colpito da queste malattie non riesce a capire quello che si prova a vivere con questa spada di Damocle che incombe sulla testa,non solo fisicamente ma sopratutto psicologicamente.
    Non si riesce a capire come la classe politica non riesca a mettere davanti a tutto la tutela della salute dei cittadini, poiche ricordiamo che tra questi cittadini ci sono loro stessi ma sopratutto i loro figli.
    E per questo tutti dovremmo essere portatori della frase LA SALUTE PRIMA DI TUTTO.

    RispondiElimina